Tutti quelli che hanno gli occhi azzurri condividono un unico ancestore

Una nuova ricerca dimostra come tutti quelli che hanno gli occhi azzurri discendono da un unico comune ancestore. Un team dell’Università di Copenhagen hanno percorso  a ritroso le mutazioni genetiche che sono avvenute 6.000 – 10.000 anni fa che causano negli uomini moderni il colore azzurro degli occhi.

Quale è la mutazione genetica

“In origine, tutti noi avevamo gli occhi marroni” ha detto il Prof. Hans Eiberg del Dipartimento di medicina cellulare e molecolare. “Ma una mutazione che ha interessato il gene OCA2 nei nostri cromosomi ha provocato un “interruttore” che letteralmente spegne la possibilità di avere gli occhi marroni”. Il gene OCA-2 codifica la cosiddetta proteina P, che è coinvolta nella produzione di melanina, il pigmento che da il colore ai nostri capelli, occhi e pelle. L’interruttore, che è localizzato nel gene adiacente all’OCA2 non “spenge” completamente il gene, ma piuttosto ne limita l’azione riducendo la produzione di melanina nell’iride, in pratica diluendo il marrone degli occhi nell’azzurro. L’effetto di questo “interruttore” sull’OCA2 è molto particolare. Se la mutazione avesse completamente distrutto o disattivato il gene OCA2, gli esseri umani non avrebbero più avuto melanina nei propri capelli, occhi e colore della pelle proprio come accade con l’albinismo.

Una variazione genetica specifica

Le variazioni di colore negli occhi dal marrone al verde possono essere spiegate dall’ammontare di melanina presente nell’iride, ma gli individui con gli occhi azzurri hanno solo u piccolo grado di variazione nella quantità di melanina nei loro occhi. “Da questo possiamo concludere che tutti coloro che hanno gli occhi azzurri sono collegati allo stesso unico comune ancestore” ha detto il Professor Eiberg. “hanno tutti ereditato lo stesso interruttore esattamente nella stessa posizione del loro DNA” Gli individui con gli occhi marroni invece hanno un ampio spettro di variazioni nel proprio DNA che controllano la produzione di melanina.

Il Professor Eiberg ed il suo team hanno esaminato il DNA mitocondriale e hanno comparato il colore delle persone con gli occhi azzurri in paesi assai diversi come Giordania, Danimarca e Turchia. Queste scoperte solo le ultime in un decennio di ricerca scientifica cominciata nel 1996, quando il Prof. Eiberg fu il primo a scoprire che il gene OCA2 era implicato nel colore degli occhi.

La natura mescola i nostri geni

La mutazione degli occhi marroni in azzurri non è di per sé positiva o negativa. E’ una delle tante mutazioni come il colore dei capelli, la calvizie, le lentiggini, che non aumentano né riducono le nostre possibilità di sopravvivenza. Come sostiene il Prof. Eiberg, “dimostra semplicemente che la natura costantemente mescola il genoma umano, creando un cocktail di cromosomi umani e testando le differenze”

Fonti: University of Copenhagen. “Blue-eyed humans have a single, common ancestor.” ScienceDaily. ScienceDaily, 31 January 2008.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *